Cincillà

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Inquadramento tassonomico

Anche il Cincillà (Chinchilla laniger) proviene dal Sudamerica come la Cavia (anche se vive più in alto, fino a 3-5000 metri) e nel suo nome porta scritto il suo destino: già per gli indios era essenzialmente un animale da pelliccia.

La magnificenza del pelo li rende però anche stupendi da accarezzare, anche se il loro carattere è più difficile di quello della cavia. Gli adulti pesano intorno ai 4-500 gr, mentre le femmine possono arrivare fino a 800 gr.

A differenza della maggior parte dei roditori da compagnia, i Cincillà sono animaletti longevi e, se ben tenuti, possono superare i 15 anni. Le femmine raggiungono la maturità sessuale non prima dei 7-10 mesi e hanno una lunga gestazione di 105-115 giorni: se si pensa che la media dei parti è di due piccoli e che una buona fattrice produce una media di 5 cuccioli l’anno, è facile capire perché le quotazioni di questo animale sono sempre molto superiori a quelle degli altri piccoli roditori.

Sistemazione in casa

I Cincillà sono animali molto attivi e hanno bisogno di spazio: una gabbia di 2x2x1 mt è adeguata soprattutto se provvederemo vari ripiani per saltare e arrampicarsi e una cassetta per nascondersi: poiché sono roditori entusiasti è meglio scegliere gabbie in tutto metallo.

Anche il fondo può essere di rete metallica, purché si forniscano aree di fondo solido per il riposo.

La miglior lettiera è probabilmente la “Yesterday news” fatta di carta da giornale riciclata, altrimenti giornale, truciolo o fieno vanno bene: come al solito è meglio evitare sabbie assorbenti per gatti e simili, a meno che un fondo in rete non impedisca assolutamente all’animale il contatto con il materiale.

I Cincillà amano il fresco (10-20 oC) mentre sopportano molto male le temperature oltre 28-30 oC, soprattutto se c’è umido (alto rischio di colpo di calore quasi sempre fatale).

Un’esigenza particolare per il Cincillà è fare frequenti (almeno a giorni alterni) bagni di sabbia: se non si trova la sabbia apposita si può utilizzare una miscela di talco non profumato anallergico e quella farina dietetica nota come Maizena per uno spessore di 5-8 cm: sabbia di mare o da edilizia sono invece inadatte e rovinano il pelo.

Alimentazione

I fabbisogni nutrizionali dei Cincillà sono meno conosciuti di quelli del coniglio: tuttavia sembra che essi possano assimilare la cellulosa ancora meglio di quest’ultimo.

In natura essi mangiano ogni vegetale che trovano nel loro habitat semidesertico e sono quindi adattati a una dieta piuttosto povera. La formula comunemente accettata per i pellet per Cincillà (non sempre facili da trovare, in realtà) è 16-20% di proteine, 2-5% di grassi e 15-35% di fibra. La razione di mantenimento dovrebbe essere a base di fieno polifita supplementato da uno o due cucchiai di pellet per capo e da un pò di verdure: la quota di pellet deve essere aumentata durante i periodi di accrescimento e riproduzione. Una dieta a base di solo pellet predispone a rovinose enteriti e rovina il pelo degli animali. Occasionalmente si possono dare frutta secca e noccioline; da evitare assolutamente dolci, cioccolato, cibi per cani e gatti ed eccessi di derivati dei cereali (pane, fette biscottate e biscotti).

I Cincillà sono roditori entusiasti e devono sempre avere a disposizione qualcosa da rosicchiare, come una pietra pomice e rami di melo, pero o salice: da evitare invece i rami di susino, ciliegio, pesco (in generale le piante di cui non si può mangiare il nocciolo) almeno finché non sono seccati da circa un mese, i legni resinosi e quelli tossici come l’oleandro.

Attenzioni medico-veterinarie

Visita ogni 6-12 mesi per controllo denti anteriori e posteriori ed esame delle feci; a casa è consigliabile pesare l’animale ogni 7 giorni nel primo periodo e poi ogni 8-10 settimane dato che spesso un calo ponderale è la prima spia di una malattia o di un maladattamento.