Gracule

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Il Merlo indiano o Maina (Gracula Religiosa) è noto per l’incredibile abilità nell’imitare ogni genere di suoni e gli individui più dotati superano facilmente i pappagalli nell’apprendimento di parole e frasi. Sebbene di solito il temperamento agitato della Maina preclude un rapporto basato sul contatto fisico com’è invece possibile con i pappagalli, non sono rari i merli indiani perfettamente addomesticati e maneggiabili. Le Gracule non sono in realtà merli, ma appartengono alla Famiglia degli Storni; le specie più frequentemente importate sono la Gracula maggiore, la Gracula Minore e la Gracula di Giava, tutte sottospecie della stessa specie Gracula Religiosa: a parte minime differenze di taglia, la distinzione si basa soprattutto sulla forma e dimensione dei bargigli. Non esiste dimorfismo sessuale. Se ben curate le Gracule sono uccelli robusti e possono vivere fino a 25 anni; di solito mutano per la prima volta intorno ai 6-8 mesi e vanno considerate adulte dopo i 2-3 anni. Nell’adulto la muta avviene una volta l’anno, di solito tra la fine dell’estate e l’autunno. Gli uccelli giovani sono imitatori migliori degli adulti, per cui di solito le maine sono importate e commercializzate prima dello svezzamento: il forte imprinting umano cui sono sottoposte spiega in parte la difficoltà che si incontra nel riprodurre questi uccelli in cattività, per cui la quasi totalità degli individui è tuttora di provenienza selvatica.

Alloggio

Le Gracule richiedono una gabbia ampia per il loro temperamento vivace e le feci liquide e abbondanti: cm 100 x 50 x 60 h dovrebbe essere il minimo, soprattutto se all’uccello non sono consentiti periodi di libertà.

Si adattano bene anche a voliere esterne riccamente piantate (unico modo di tentare la riproduzione) ma non sono adatte alla convivenza con uccelli più piccoli. Se tenute in casa è utile predisporre una gabbia di tipo “inglese”, ossia chiusa su tutti i lati tranne il frontale, sia per schermare dannose correnti d’aria che per limitare la fuoriuscita di sporco; fondamentale una griglia sul fondo per impedire all’animale il contatto con le proprie feci. Il substrato migliore per il fondo è rappresentato da carta sabbiata o da giornali da cambiare quotidianamente.

Come per tutti gli uccelli, i migliori posatoi sono i rami naturali, che però vanno cambiati spesso: esigenze igieniche in questa specie giustificano il ricorso a posatoi di plastica, che vanno lavati sovente in quanto le maine tendono a sfregare becco e occhi sui trespoli e se questi sono sporchi possono procurarsi infezioni. Le gracule adorano fare il bagno, spargendo spruzzi a metri di distanza: come si può capire sono uccelli molto simpatici ma, come tutti gli insettivori-frugivori, altrettanto “sporcaccioni”.

Alcuni individui dormono sul posatoio, altri invece preferiscono rifugiarsi in una cassettina o sotto un foglio di giornale.

Alimentazione

Più della metà delle malattie riscontrate negli uccelli esotici dipende da una cattiva alimentazione. Ciò non significa soltanto un’alimentazione povera o carente, ma anche una dieta eccessivamente ricca oppure sbilanciata. Il punto cruciale nell’alimentazione degli uccelli frugivori è il controllo del tenore di Ferro, in quanto per ragioni ancora non perfettamente chiare questi animali tendono ad accumulare il Ferro nell’organismo sviluppando così gravi epatopatie ed altre complicazioni.

L’alimentazione tradizionale per i merli indiani è basata su una miscela pre-confezionata, molto umida e profumata, denominata in genere pastone o patè, oppure su alimenti “pellettati” cioè cubettati a caldo. Questi alimenti presentano quasi sempre concentrazioni di Ferro del tutto inaccettabili (fino a 5000 ppm) e spesso questo ione non è neanche misurato: solo una o due marche, almeno tra quelle sul mercato italiano, si sono dimostrate sensibili a questo grave problema producendo diete per frugivori con tenore di ferro controllato e moderato (50-100 ppm).

Da alcuni anni, come è già accaduto per l’alimentazione dei cani e dei gatti, anche per le gracule religiose sono state studiate delle diete specifiche, perfettamente bilanciate e prodotte con materie prime assolutamente controllate: questi alimenti estrusi si presentano sotto forma di “crocchini” e rappresentano un indubbio passo avanti nella corretta gestione di questi uccelli. Naturalmente anche le maine devono essere educate a cibarsi con tali alimenti e di conseguenza anche i proprietari devono imparare a fornirgli l’alimento in modo corretto così da evitare inutili sprechi e contemporaneamente controllare lo stato di salute dei propri animali.

Vantaggi dell’alimentazione pre-formulata:

  • Gli alimenti sono prodotti con una scelta obiettiva delle materie prime.
  • Il processo produttivo permette l’eliminazione di batteri, funghi e muffe: inoltre consente l’integrazione, durante la lavorazione, con vitamine, minerali e oligoelementi.
  • L’alimento è perfettamente bilanciato.
  • Non ci sono scarti.
  • Si osserva una netta diminuzione dello sporco attorno alla gabbia.
  • È più facile esercitare un perfetto controllo della quantità di alimento effettivamente consumata.
  • Spesso tali alimenti possono essere congelati, posticipando in tal modo la data di scadenza.

Punti critici dell’alimentazione pre-formulata:

  • La dieta ha un bassissimo tenore di umidità, per cui deve esserci sempre acqua fresca a disposizione.
  • Deve essere conservato in luogo fresco e asciutto (optimum il frigorifero); questa peraltro è una raccomandazione valida anche per quasi tutti gli alimenti tradizionali.
  • Per alcuni animali può essere necessaria molta pazienza e dedizione per ottenere una completa modificazione del comportamento alimentare.

Alcune strategie per modificare il comportamento alimentare degli uccelli e mantenerli in ottima salute con tali diete. Esiste ormai un notevole numero di allevatori che impiegano con soddisfazione le diete pre-formulate e ognuno ha sviluppato una propria strategia per modificare le preferenze alimentari dei propri uccelli.

Riassumendo le diverse esperienze, si possono desumere alcuni “trucchi”:

  • Non sostituite improvvisamente la vecchia dieta con la nuova; ciò, oltre ad essere controproducente, è spesso anche pericoloso: aggiungete perciò percentuali crescenti di alimento nuovo a quello vecchio fino alla sua completa sostituzione.
  • Gli uccelli tendono a scegliere l’alimento non tanto per le caratteristiche chimiche (odore e sapore, come i cani e i gatti) quanto piuttosto per quelle fisiche (colore, forma, dimensione e consistenza) per cui spesso rifiutano un alimento nuovo solo perché “strano” a vedersi: per ovviare a ciò cominciate con l’offrire il cibo abituale coperto da uno strato di cibo estruso, in modo che il vostro merlo sia costretto a prendere nel becco il nuovo cibo per arrivare a quello noto.
  • Sostituite quantità via via crescenti della razione con l’alimento che volete introdurre.
  • Una volta insegnato alla vostra gracula ad alimentarsi con il nuovo cibo, riducetene la quantità fino a determinare il consumo medio giornaliero; aumentate quindi tale valore del 10-15%: questa sarà la razione quotidiana del vostro animale.
  • Oltre al cibo pre-formulato offrite sempre ai vostri uccelli una buona scelta di vegetali freschi di stagione.

Per chi invece volesse ricorrere ad una alimentazione di tipo più tradizionale, ecco diverse “ricette” per una dieta equilibrata:

Dieta n.1

  • Frutta mista a pezzettini, anche in scatola, ma non sciroppata: 3 parti
  • Mangime commerciale per uccelli insettivori (Fe < 60 ppm): 4 parti
  • Cibo in scatola per cani (mantenimento adulti): 2 parti
  • Una volta a settimana: mezzo uovo sodo e larve di insetti

Dieta n.2

  • Cuore bovino a pezzettini: 1 parte
  • Cibo per cani (come sopra): 2 parti
  • Frutta mista a pezzettini (come sopra): 6 parti
  • Riso integrale bollito mezz’ora nel latte: 6 parti

Dieta n.3

  • Cuore bovino a pezzettini: 1 parte
  • Carne cruda macinata: 1 parte
  • Carota tritata: 2 parti
  • Biscotti secchi o fette biscottate: 3 parti
  • Frutta e verdura a pezzettini: 1 parte
  • Formaggio dolce a pezzettini: 1 parte

Queste ricette possono essere preparate periodicamente e congelate in porzioni quotidiane: in questo caso però saranno da considerarsi alimenti conservati e perciò si impone la quotidiana integrazione con vegetali freschi, del resto consigliabile comunque anche per fornire ampia scelta di cibi poveri di ferro.

Assistenza veterinaria

Come accennato, le maine appropriatamente accudite sono animali robusti e raramente si ammalano: giova comunque ricordare che tutti gli uccelli sono molto bravi a nascondere i primi sintomi di malattia e quindi spesso ci si accorge di uno stato patologico quando è già molto avanzato, per cui un occhio attento su ogni variazione di comportamento, appetito, sete e respirazione più un controllo veterinario almeno una volta l’anno sono importanti per mantenere a lungo il proprio uccello in buona salute.